Comune di Boscotrecase

Boscotrecase partecipa al bando “STRATEGIA FOTOGRAFIA 2022” del Ministero della Cultura – Direzione Generale Creatività Contemporanea

ARCHIVIO ICONOGRAFICO PER IL MUSEO DELLA MEMORIA VESUVIANA L’Amministrazione Comunale di Boscotrecase, partecipando a questo bando, intende realizzare il primo Archivio Iconografico per il nascente Museo della Memoria Vesuviana poiché essendo le stesse di forte ed immediato impatto visivo, nella loro originalità espositiva e rappresentativa, offrono al visitatore – indigeno o turista – l’immediata percezione del nostro primario obiettivo.

Data:
14 Luglio 2022

Boscotrecase partecipa al bando “STRATEGIA FOTOGRAFIA 2022” del Ministero della Cultura – Direzione Generale Creatività Contemporanea

ARCHIVIO ICONOGRAFICO PER IL MUSEO DELLA MEMORIA VESUVIANA

L’Amministrazione Comunale di Boscotrecase, partecipando a questo bando, intende realizzare il primo Archivio Iconografico per il nascente Museo della Memoria Vesuviana poiché essendo le stesse di forte ed immediato impatto visivo, nella loro originalità espositiva e rappresentativa, offrono al visitatore – indigeno o turista – l’immediata percezione del nostro primario obiettivo.

Le immagini infatti le consideriamo una geniale intuizione fotografica che ha avuto l’artista poiché altamente funzionali a sensibilizzare il pubblico di ogni età, di ogni genere e di ogni nazione, su tematiche riguardanti la salvaguardia della memoria collettiva dei centri urbani prossimi al Vesuvio e nel contempo, sulla possibilità di riflettere maggiormente su quanto la capacità distruttiva del vulcano per una parte e quella dei “vesuviani” dall’altra, incidono per distruggerla.

Quasi come se, per chi vive e cresce alle falde del Vesuvio, si necessita di dover ricordare ancora una volta che non basta dimostrare che c’è la naturale forza distruttrice del vulcano per “seppellire” la memoria dei territori ma è necessario mostrare anche quella dell’uomo. Alcune immagini, infatti, si riferiscono proprio a ciò che è stato parzialmente distrutto dopo l’ultima eruzione del Vesuvio ma soprattutto, a quanto di quegli stessi luoghi, ancora oggi, l’uomo ne distrugge da solo e senza alcun ausilio.

In simbiosi quindi con i relativi percorsi tematici che si andranno a determinare con alcuni argomenti chiave delle stesse immagini, affinché venga percepita una migliore fruizione museale finalizzata ad una più ampia offerta didattica e culturale, pensiamo di avviare ulteriori elaborazioni delle stesse immagini attraverso i nuovi linguaggi multimediali e social che possano rafforzare il nostro obiettivo sfruttando la particolarità della tecnica della sovrapposizione intuita dall’artista per il forte impatto emozionale che la  stessa genera.

Ultimo aggiornamento

15 Luglio 2022, 09:04